Cult

I film da (ri)vedere durante le feste natalizie

di Andrea Giordano - 21 Dicembre 2020

Dalla vigilia del 24 dicembre alla mattina di Natale, magari fino all’Epifania. Il cinema delle feste, per riannodare ricordi ed emozioni, torna a fare compagnia. Ecco i nostri consigli.

Cult, classici intoccabili, racconti semplici, bambini che “hanno perso l’aereo”, remake diventati simbolo, rituale, condivisione, oggi più che mai. Ecco le migliori pellicole da (ri)vedere durante le feste e sotto l'Albero, ritrovandole su piattaforma o in televisione.

Non c’è vigilia del 24 dicembre senza Una poltrona per due, diretto da John Landis (regista di The Blues Brothers). Un titolo, che in Italia, è diventato però un appuntamento fisso dei palinsesti, nonostante il Natale faccia da sfondo alla storia, ma che oramai scandisce questa data da anni, rinnovandosi, grazie al cast formato da Eddie Murphy e Dan Aykroyd. Per sfidare (e scalare) il mondo della finanza, svelando i suoi trucchi, a colpi di battute e sane risate.

Prima di andare a letto, in attesa di scartare i regali, c’è da riscoprire però il mondo di Sir Charlie Chaplin. Il grande Charlot, scomparso proprio la notte di Natale del 1977, continua a donare magia, e quindi non può attendere: da Il monello (l’anno prossimo compirà 100 anni) a Tempi Moderni, Luci della città, fino a Il grande dittatore, per un capolavoro dietro l’altro, dal muto al sonoro, riassaporando così un mito assoluto. Bianconero di emozioni, impreziosendolo magari dalle preziose comiche di Stan Laurel e Oliver Hardy, per tutti ‘Stanlio e Ollio’

Il piccolo Lord, a 40 anni esatti. L’adattamento dell’omonimo romanzo per ragazzi, scritto da Frances Hodgson Burnett, narra la storia, il rapporto tra un nonno, un visconte, e il nipote (ri)trovato. Una storia che rinasce sempre, con Rick Schroder, e un monumentale Sir. Alec Guinness.

Gusti horror, per intenditori, fan del genere, o chi volesse semplicemente tuffarsi in qualcosa di diverso. Eccovi allora Gremlins di Joe Dante, prodotto da Steven Spielberg, un film generazionale, dove il regalo, in questo caso, è un peloso Mogway. Unica avvertenza: non dargli cibo dopo la mezzanotte, e non fargli il bagno… O Nightmare Before Christmas, ideato-prodotto dal geniale Tim Burton, e Il Grinch, sia con Jim Carrey, che nella versione animata.

Canto di Natale e Charles Dickens, immortale ed emozionale, da rileggere e rivedere. La liturgia qui lascia il passo a una riflessione con se stessi, e sopratutto attraverso i fantasmi del Natale passato, presente e futuro. Tante versioni, irriverenti, tradizionali, ricche di significato, dove ritrovare le origini e il processo creativo: S.O.S. Fantasmi, con uno straordinario Bill Murray, A Christmas Carol di Robert Zemeckis, Dickens: L’uomo che inventò il Natale, senza dimenticare la rivisitazione fantastica di Festa in casa Muppet, firmata da Brian Henson.

La vita è una cosa meravigliosa, è il caso di dirlo. Buoni sentimenti, rassicuranti e necessari, ora più che mai, in uno dei titoli senza tempo, diretto da Frank Capra, protagonista James Stewart, dove è l’empatia umana ad arricchirci. Per ricordarci una massima: “nessun uomo è un fallito se ha degli amici” e che gli angeli custodi esistono davvero.

Umpa Lumpa, fiumi di dolci e biglietti dorati. Chiedere a Willy Wonka, che nella sua Fabbrica di cioccolato ci ha fatto sognare, prima nel 1971, con Gene Wilder, e poi, più recentemente, grazie a Tim Burton e Johnny Depp. Da rileggersi anche il romanzo originale, quello di Roald Dahl.

Immaginazione per adulti (e non solo per bambini). L’universo Disney, Pixar, rintracciabile felicemente sulla piattaforma omonima di Disney+, si compone di mille frecce, ma la migliore, rimane sempre quella più lontana. Per far volare la nostra Fantasia, in un affresco (del 1940) pieno di musica e colore, insieme a Topolino e Leopold Stokowski

Il miracolo della memoria (anche sulla 34a strada....) avviene ogni notte, ogni mattina di Natale, a qualsiasi età. Va solo colto, protetto e non dimenticato.

Talking Sofa, il nuovo format digitale di Fred Perry

Quattro ospiti d’eccezione, la DJ Ema Stokholma, l’artista Federico Clapis e il duo di cantanti Coma_Cose, si raccontano attraverso l’originale format digitale ‘Talking Sofa’ presentato da Fred Perry e sviluppato all’interno del primo store milanese del brand.

Vedi anche

Pitti Connect

Al via Pitti Connect

Inizia (in formato digital) la 99esima edizione di Pitti Immagine Uomo, i saloni dedicati alla moda maschile dell'inverno 2021/22. Ecco lo speciale di Icon.