Cult

Louise Glück, Nobel per la Letteratura 2020, in una poesia

di Alessandro Turci - 12 Ottobre 2020

Il fascino struggente dei versi di Louise Glück in una raffinata, stilnovistica, traduzione di Alessandro Turci. “Vita Nova”, titolo e reminiscenza dantesca della poetessa americana più intensa delle ultime decadi, un canto elegantissimo ispirato all’intollerabile bellezza della vita e dei suoi cicli spesso inintelligibili alla ragione. L’omaggio di Icon all’Universo Louise Glück.

VITA NOVA

di Louise Glück

Mi hai salvata, dovresti ricordarti di me.

La primavera dell'anno; giovani uomini comprano i biglietti del ferry.

Risate, perché l'aria è tutta fiori di melo.

Quando mi sono svegliata, ho capito di essere capace di provare lo stesso sentimento.

Ricordo che suona identico dalla mia infanzia,

risate senza motivo, semplicemente perché il mondo è bello,

qualcosa del genere.

Lugano. Tavoli sotto gli alberi di melo.

Marinai alzando e abbassando le bandiere colorate.

E in riva al lago, un giovane lancia il suo cappello nell'acqua;

forse la ragazza lo ha accettato.

Cruciale

suoni o gesti come

una traccia decisa prima di più vasti temi

e poi inattiva, sepolta.

Isole in lontananza. Mia madre

porgendo un piatto di pasticcini -

per quanto ricordo, cambiato

in nessun dettaglio, il momento

vivido, intatto, non essendo mai stato

esposto alla luce, così mi sono svegliata euforica, alla mia età

affamata di vita, completamente fiduciosa -

Dai tavoli, macchie d’erba nuova, il verde chiaro

restituito nel buio terreno vivente.

Certo la primavera mi è restituita, questa volta

non come un amante ma come messaggero di morte, eppure

è ancora primavera, e ancora dimostra tenerezza.

---

VITA NOVA

by Louise Glück

You saved me, you should remember me.

The spring of the year; young men buying tickets for the ferryboats.

Laughter, because the air is full of apple blossoms.

When I woke up, I realized I was capable of the same feeling.

I remember sounds like that from my childhood,   

laughter for no cause, simply because the world is beautiful,

something like that.

Lugano. Tables under the apple trees.

Deckhands raising and lowering the colored flags.

And by the lake’s edge, a young man throws his hat into the water;

perhaps his sweetheart has accepted him.

Crucial

sounds or gestures like

a track laid down before the larger themes

and then unused, buried.

Islands in the distance. My mother   

holding out a plate of little cakes—

as far as I remember, changed

in no detail, the moment

vivid, intact, having never been

exposed to light, so that I woke elated, at my age   

hungry for life, utterly confident—

By the tables, patches of new grass, the pale green   

pieced into the dark existing ground.

Surely spring has been returned to me, this time   

not as a lover but a messenger of death, yet   

it is still spring, it is still meant tenderly.

(Vita Nova, The Ecco Press, 1999)

Louise Gluck ai National Book Awards a New York nel 2014 - Credits: Foto: Robin Marchant/Getty Images

La nuova collezione Autunno/Inverno 2020 di Geox

Per l’arrivo dell’inverno, Geox ha puntato sull’innovazione tecnologica per creare una collezione di calzature e abbigliamento che invita a dimenticare qualsiasi pensiero e godersi la stagione autunnale.

Vedi anche

Cult

Letture per il presente: la paura

Torna il nostro consueto appuntamento con le letture capaci di decodificare emozioni, pensieri e sentimenti di oggi. Per capire meglio la realtà, dentro e fuori noi stessi.