Cult

In Svizzera, il nuovo Musée Atelier Audemars Piguet

di Paolo Briscese - 23 Luglio 2020

Progettato dal prestigioso studio danese BIG (Bjarke Ingels Group), è una costruzione contemporanea a forma di spirale che racchiude la storia della maison orologiera.

Architettura contemporanea, scenografia pionieristica e savoir-faire tradizionale, in un percorso immersivo unico, tra passato, presente e futuro. Lo scorso giugno nella cittadina di Le Brassus, nel cuore della Vallée de Joux, conosciuta come una delle culle dell’orologeria svizzera complicata, ha aperto il nuovo Musée Atelier Audemars Piguet.

Un luogo di rara bellezza dove l’antica manifattura orologiera guidata dalle famiglie Audemars e Piguet ha creato numerosi capolavori che testimoniano l’artigianalità e lo spirito avanguardistico che contraddistinguono la Maison sin dalla sua nascita. Progettato dagli architetti danesi BIG (Bjarke Ingels Group), lo spazio di 2500 metri quadri (di cui 900 prettamente espositivi), è concepito come museo storico, laboratorio creativo e archivio, che offre al visitatore un’esperienza unica a partire dalla sua architettura.

Una costruzione contemporanea a forma di spirale interamente sorretta da pareti in vetro e direttamente collegata all’edificio più antico della manifattura dove Jules Louis Audemars e Edward Auguste Piguet fondarono il loro atelier nel 1875. «Volevamo che i visitatori potessero venire a contatto con la nostra eredità, le nostre origini culturali e la nostra apertura al mondo in un edificio che riflettesse sia le nostre radici sia il nostro spirito lungimirante» racconta Jasmine Audemars, Presidente del CdA del marchio. Partendo dalla struttura a spirale, tra legno antico e pietra, la visita segue una direzione prestabilita, come se ci si trovasse nella molla di un orologio meccanico, tra momenti interattivi, installazioni e osservazione di oltre 300 modelli di orologi, inclusa una panoramica di quelli più iconici.

I laboratori tradizionali, dove alcuni dei segnatempo più complicati della Manifattura vengono creati ancora oggi, fanno parte dell’esperienza del museo che porta i visitatori a diretto contatto con tutte quelle maestranze che danno vita ai numerosi capolavori di meccanica e di design esposti al suo interno. Un luogo unico di scoperta, apprendimento e convivialità in cui conoscenza e savoir-faire vengono tramandati alle generazioni future.

Talking Sofa, il nuovo format digitale di Fred Perry

Quattro ospiti d’eccezione, la DJ Ema Stokholma, l’artista Federico Clapis e il duo di cantanti Coma_Cose, si raccontano attraverso l’originale format digitale ‘Talking Sofa’ presentato da Fred Perry e sviluppato all’interno del primo store milanese del brand.

Vedi anche