Benessere: il percorso di Kneipp, cos’è e perché provarlo


Una camminata su sassi di fiume, immersi nell’acqua calda e poi fredda, per sciogliere le tensioni e soprattutto rafforzare il sistema immunitario. Ecco dove provare questa esperienza

di Eleonora Gionchi

Conosciuto da circa 200 anni ma diffuso in Italia solo in tempi più recenti, il Percorso di Kneipp è una tecnica idroterapica presente soprattutto negli stabilimenti termali e molto diffusa in Germania. Il suo obiettivo è quello di rinforzare il sistema immunitario e aiutare a detossinare ed esfoliare la pelle. Sandro Baronti, direttore della Spa di Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, e Titti Monteoliveto, Spa Manager di Ethra Thalasso Spa, ne raccontano i benefici.

Questo percorso è praticato in acqua, termale per quanto riguarda le Terme di Saturnia e di mare purificata per l’Ethra Thalasso Spa, immergendo le gambe in vasche portate a differenti temperature, dagli 11°-20° fino ai 32°-36°.«Sul fondo, inoltre, si trovano dei sassi di fiume che svolgono naturalmente un massaggio plantare. Non è una semplice passeggiata in acqua ma un vero trattamento idroterapico, in cui l’acqua calda produce un effetto calmante sulla persona ed è particolarmente indicata per gli stati di ansia», spiega Sandro Baronti a cui fa eco Titti Monteoliveto. Inoltre:«Il movimento e l’alternanza di acqua calda-fredda stimola la circolazione, l’irrorazione degli organi e dell’epidermide, rafforza il sistema immunitario e dona immediato benessere», prosegue Baronti. L’alternanza di freddo-caldo, oltre a stimolare e tonificare o rilassare il corpo, aiuta anche a combattere la pesantezza degli arti.

Nata nel 1849, questa tecnica,«è una vera e propria terapia naturale usata per attivare il sistema di autoguarigione del nostro organismo. Tutto è iniziato con l’abate Sebastian Kneipp il quale, non riuscendo a trovare nessun beneficio per la TBC di cui soffriva, ha iniziato a immergersi al mattino presto nelle acque fredde del Danubio. Per evitare raffreddamenti, correva poi in monastero. In pochi mesi è guarito», raccontano dalle Terme di Saturnia.

Lo shock termico quotidiano dopo l’immersione ha, infatti, stimolato il suo sistema immunitario portando l’organismo alla guarigione. Per questo, il percorso di Kneipp è adatto anche per chi ha contratture ai muscoli o dolori alle articolazioni:«L’acqua ha il grande potere di ridurre le sensazioni di dolore e di aiutare a sbloccare anche le situazioni più delicate», spiega Sandro Baronti.«Infatti il nostro percorso è fatto anche di getti che, dalla pianta del piede alla cervicale, aiutano a stimolare e disinfiammare l’organismo», aggiunge Monteoliveto.