10 artisti da seguire su Instagram
Courtesy Cindy Sherman

10 artisti da seguire su Instagram

di Elena Bordignon

A quanto pare la piattaforma Instagram è quella preferita dagli artisti per comunicare. Siamo andati a caccia dei profili Instagram di 10 artisti tra i più influenti.

Chi lo usa per prendere posizioni politiche (Ai Weiwei), chi  pubblica un’immagine all’anno (Maurizio Cattelan), chi ci tiene aggiornati con le anteprime delle sue opere (Banksy) o chi si diverte a postare i suoi autoritratti modificati digitalmente (Cindy Sherman).

Con oltre 11 milioni di follower, Banksy - @banksy - è uno degli artisti che cattura da subito l’attenzione. Nel suo profilo, aggiornato alcune settimane fa, lo street artist britannico ha messo in vendita delle T-shirt a edizione limitata, per sostenere i quattro manifestanti di Bristol che hanno rovesciato la statua del mercante schiavista Edward Colston.
Senza dubbio è da seguire l’account di Olafur Eliasson - @studioolafureliasson - noto per aver esposto alla Tate Modern di Londra la sua installazione The Weather Project nel 2003: la simulazione del sole al tramonto. Nel suo account, l’artista presenta molte delle sue opere più famose e progetti e appunti visivi importanti per la sua ricerca.

Artista cinese dissidente, attivista per la salvaguardia dei diritti umani, Ai Weiwei - @aiww - ha sempre usato il mezzo fotografico per documentare la realtà. Non senza ironia, la sua pagina è ricca di selfie, ma anche di vere e proprie azioni impegnate. Nelle ultime settimane il suo account ha ospitato l’inziativa #RunForOurRights, in difesa della libertà di stampa e dei diritti umani.
Si definisce deconstructive Pop Artist Matt Gondek, in arte gondekdraws - @gondekdraws: pittore, graffitista e illustratore di Los Angeles. La sua fama la deve, appunto, all’aver decostruito  personaggi e icone pop come Homer Simpson e Mickey Mouse.
Se vogliamo vedere il famosissimo artista britannico Damien Hirst - @damienhirst - all’opera, abbiamo la possibilità di seguirne le gesta nel suo account. I suoi ultimi post lo mostrano in studio con grandi pennelli in mano, mentre lancia, letteralmente, il colore sulle tele. I suoi spettatori virtuali sono oltre 883.000.
Stories, filtri, video, applicazioni: Instagram può anche essere visto come un grandissimo parco giochi. Una che sembra divertirsi parecchio è sicuramente Cindy Sherman - @cindysherman. L’artista, tra le più quotate e che ha fatto dell’autoritratto la sua ossessione, pubblica qui i suoi autoritratti sfruttando filtri e vari strumenti digitali, trasformando i suoi scatti in selfie grotteschi e inquietanti.  

Nella nostra lista non può mancare JR - @jr - artista francese noto per l’utilizzo della tecnica del ‘collage fotografico’. Ambizioso e beffardo - definisce se stesso un ‘photograffeur’, una via di mezzo tra il fotografo e il graffitista - JR crede nella possibilità dell’arte di cambiare il mondo.
Non possiamo menzionare nella nostra lista, Takashi Murakami - @takashipom -  uno dei più famosi e acclamati artisti giapponesi. Noto per aver aver coniato la definizione ‘superflat’, lo stile pop tra anime, manga ed estetica kawaii. Nel suo account si diverte a portarci nel suo studio e mostrare i dietro le quinte di molte sue opere.
Si nasconde dietro al nickname @kaws, l’artista americano Brian Donnelly. Famoso per le sue sculture alte oltre i 10 metri, ma ne esegue anche di poche centimetri, Kaws è uno tra gli street artist più quotati. Resta memorabile la sua scultura KAWS Holiday, un gigantesco pupazzone gonfiabile.
Un altro profilo interessante è quello di Maurizio Cattelan -@mauriziocattelan - che fino ad un po’ di tempo fa postava un solo post al giorno cancellando sempre i precedenti. Ultimamente ha deciso di lasciare invariato il suo unico post con l’immagine di una nuvola al tramonto che simula una mano con il dito medio alzato, un messaggio inequivocabile, che non lascia certo spazio all’immaginazione.