Nuova Ghibli Hybrid: la prima e-car Maserati

di Digital Team

La casa del Tridente entra nel mondo della mobilità sostenibile con la nuova Ghibli, una berlina da 330 cavalli, assistente intelligente e nuovi elementi di design

La nuova Ghibli Hybrid è la prima auto elettrica, o meglio elettrificata, della storia di Maserati, la vettura molto attesa con cui la casa del Tridente guarda al futuro e ai motori green.
Non c’era auto più adatta da cui partire nel cammino verso la mobilità sostenibile senza perdere fascino e cavalli: la berlina Ghibli mantiene intatto il DNA Maserati, compreso un sorprendente motore dal suono tipico made in Modena. È il primo tassello di un percorso che porterà all’elettrificazione di tutti i nuovi modelli del marchio modenese.
Non a caso la casa la definisce 'la prima di una nuova specie'. Andiamo a scoprirla.

Maserati Ghibli Hybrid, il powertrain

Ghibli Hybrid nasce nel Maserati Innovation Lab di Modena sulla base della berlina Ghibli lanciata nel 2013 e arrivata a 100mila unità vendute in tutto il mondo. Il successo di questo modello ha spinto manager e ingegneri della casa modenese a sviluppare un motore mild hybrid che avesse due caratteristiche e obiettivi: migliorare le prestazioni e ridurre consumi ed emissioni.
Ecco allora il powertrain che combina un motore turbo a combustione (4 cilindri, turbo, 1998 cc di cilindrata) con un alternatore a 48 volt e un compressore elettrico aggiuntivo.
I numeri sono da pura berlina sportiva: 330 CV di potenza massima e 450 Nm di coppia disponibile già a 1500 giri. E prestazioni in linea con la concorrenza a benzina: velocità massima di 255 km/h, da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi.
Il propulsore ibrido è alimentato da una batteria posizionata nella parte posteriore della vettura, che ha permesso di ridurre il peso complessivo dell’auto a 1950 kg, 80 kg in meno rispetto al modello diesel. I consumi sono di 8,5-9,6 litri per 100 km.
L’inconfondibile sound dei motori Maserati viene conservato grazie all’impiego di risonatori appositamente studiati.

Il design della nuova Maserati Ghibli Hybrid

Ghibli Hybrid ha nuovi elementi di design che vanno a inserirsi sia nella livrea esterna che negli interni. Il Centro Stile Maserati ha scelto il colore blu per identificare l’universo ibrido. Blu le tre iconiche prese d’aria laterali, le pinze dei freni e la saetta all’interno dell’ovale che racchiude il Tridente sul montante posteriore, e lo stesso colore blu si ritrova nelle cuciture che ricamano i sedili.
Nuova è anche la griglia frontale, dove le “stecche” sono state ridisegnate per rappresentare il diapason, lo strumento musicale che produce un suono puro.
Sulla parte posteriore è stata completamente ridisegnata la fanaleria, con un profilo a boomerang ispirato alla 3200 GT e al concept Alfieri. Le misure: 4,971 x 1,945 x 1,461 m.

Android Auto e connettività intelligente

Maserati Connect è il nuovo programma che permette una connessione costante con la vettura fornendo informazioni al guidatore: oltre all’aggiornamento costante dei software, il sistema effettua controlli sull’auto e monitora i servizi di Safety Security in condizioni di emergenza.
Il sistema multimediale Maserati Intelligent Assistant si basa sulla piattaforma Android Automotive, con un assistente virtuale a cui chiedere di accendere il forno mentre hai il volante ancora in mano, o di controllare le batterie dell’auto mentre sei sul divano di casa. Il tutto attraverso lo schermo in HD senza cornici da 10,1 pollici (contro gli 8,4” della Ghibli a carburante).
La produzione è cominciata nello stabilimento Avvocato Giovanni Agnelli Plant (AGAP) di Grugliasco (TO). Poi, nel corso del 2021, si attendono le prime vetture del brand completamente elettriche: GranTurismo e GranCabrio.