Food

Gelato “al bacio”

di Marina Mauri - 6 Luglio 2015

Un coppa di gelato, magari per due, come rimedio contro il caldo o per celebrare la giornata mondiale del bacio

Flegetonte si fa sentire ma per combattere l'anticiclone africano una coppa di gelato è perfetta (anche come pasto rinfrescante), purché ben assortita. Alla base di tutto una buona materia prima, come le creazioni del gelatiere Alberto Marchetti, e poi un pizzico di creatività come quella che è di casa a La Torteria Berlicabarbis, il locale torinese con vocazione da bistrot e con una lunga esperienza nel proporre per tutta la giornata, in ogni sfumatura di food, sapori e aromi che ricordano la tradizione piemontese e gusti inusuali, dalle torte fatte in casa alle quindici varianti di caffè, dalle quiches alle birre artigianali. Il Berlica-team non ha dubbi sul suggerimento: la coppa da replicare a casa è Il Gianni, un mix che prevede gelato alla nocciola, gelato al cioccolato, nocciole, granella di cioccolato bianco e panna montata. Vista la stagione calda è preferibile la variante che prevede la sostituzione delle nocciole con le fragole e la granella di cioccolato bianco con quella alle mandorle. In alternativa, la coppa L'Armando, più 'vitaminica': sulla stessa base di gelato alla nocciola e al cioccolato qualche pezzetto di pesca e ananas, granella di cocco e panna montata decorata con zuccherini alla viola. Se il tocco fiorito non piace si possono sostituire gli zuccherini con una spolverizzata di cannella in polvere.

Lexus, Auto Ufficiale della 77esima Mostra del Cinema di Venezia

La casa automobilistica giapponese è stata per il quarto anno consecutivo l'Auto Ufficiale del Festival, ma non solo. La Mostra è stata anche l'occasione per presentare in anteprima nazionale due nuovi gioielli: UX 300e - la prima vettura elettrica Lexus - e LC 500 Convertible.

Vedi anche

People

Alessandro Borghi: incontro a tutto campo

Le origini, Roma, la vita di prima, la gratitudine, l’impegno. E ancora: l’amicizia, i ruoli, il mestiere d’attore, e un possibile futuro lontano dal cinema. Alessandro Borghi si racconta su Icon 61.