Cult

I club privati più esclusivi al mondo

di Penelope Vaglini - 19 Gennaio 2021

Le sale dei palazzi londinesi dove i gentleman si riunivano vestiti di tutto punto, sono ormai un lontano ricordo. Nei club privati di oggi la parola d’ordine è casual. Da Londra alle campagne del Somerset, passando per Amsterdam e New York, ecco quali sono i members club più ambiti del mondo.

Ambienti dal design retrò contaminati da arredi contemporanei, sale cinema, spa, palestre e aree lounge con cocktail bar. I members club sono quei luoghi dove businessman, artisti e donne in carriera si ritrovano oggi per fare networking. Di fronte a un drink, con il laptop aperto, si scambiano opinioni e restano aggiornati su tutto quello che di importante succede nel mondo. Il tutto in un’atmosfera casual e informale, ben lontana dalle rigide etichette dei gentlemen club di una volta.

Londra è da sempre la capitale dei club privati

Nati alla fine del 600, i primi members club sono riservati ai soli uomini di estrazione sociale elevata, che si riuniscono per discutere di temi politici e dare sfogo a qualche vizio, come quello per il gioco d’azzardo. Eccessi a parte, in questi circoli si concludono affari, si discute di politica e si pernotta quando ci si trova in viaggio per affari. Ed è a Londra, capitale europea che ancora oggi conta numerosi club privati, che alla fine dell’800 proliferano questi circoli esclusivi, tanto ambiti da contare lunghe liste di attesa per ottenere un accesso. Così, alcuni gentleman, finiscono per dare vita ai propri club tematici legati ad arte, sport, motori e ovviamente, alla politica. Perché discutere delle ultime mosse del Governo o di un deal milionario, ha tutto un altro sapore se accomodati su un divano Chesterfield sorseggiando dell’ottimo brandy.

I members club contemporanei

Oggi, messi da parte bombette e pomposi abiti formali, i members club sono rimasti una formula molto apprezzata, soprattutto nelle grandi città. Capaci di offrire ambienti curati dal punto di vista del design, regalano ai soci un ventaglio di attività per coltivare quei rapporti interpersonali che, molto spesso, si trasformano in relazioni professionali durature. Le regole per entrare in questi circoli elitari sono semplici e accomunano numerosi club privati. “Basta” essere presentati da due soci, versare una quota di iscrizione e una fee annuale e, non meno importante, essere accettati dagli altri membri dell’élite. Ma quali sono i club più ambiti a livello mondiale? Adesso che sapete che cosa vi aspetta se desiderate iscrivervi, è arrivato il momento di segnalarvi cinque tra i club privati più esclusivi del mondo.

The Arts Club, Londra

Nato nel 1863, è il più antico club privato londinese per gli appassionati d’arte. Completamente rinnovato nel 2011, The Arts Club si trova al numero 40 di Dover Street, dove accoglie creativi e imprenditori legati al mondo dell’architettura, del design e numerose altre discipline. Punto di riferimento nel panorama culturale cittadino, al piano terra ospita Leo’s, un elegante Supperclub e Nightclub accessibile esclusivamente ai membri e progettato dal duo creativo Dimorestudio.

The Arts Club - Credits: Paola Pansini

Ten Trinity Square, Londra

Tra gli ultimi arrivati nella metropoli londinese, il Ten Trinity Square è un club privato per gourmet e amanti del buon bere. Nato dalla partnership tra Reignwood, Château Latour e Four Seasons Hotels and Resorts, il circolo si trova nell’ex sede della Port of London Authority. Oltre alle eleganti sale relax, una Cigar Lounge e una biblioteca, ai suoi soci è concesso l’accesso a una lussuosa spa. Il plus? La chef stellata Anne-Sophie Pic cura la proposta food e la selezione delle migliori etichette di vino in arrivo da Bordeaux.

Ten Trinity Square

Soho House, Amsterdam

Anche Amsterdam ha la sua Soho-House. Si tratta di un club privato lanciato da Nick Jones a metà degli anni novanta, oggi presente in tutto il mondo con sedi molto diverse tra loro, tutte accomunate dallo stile casual-chic. Nella capitale olandese, Soho-House ha aperto nel 2018 all’interno di un edificio di sei piani dotato di camere, sale cinema, bar e spazi dedicati ad attività social. All’ultimo piano c’è anche un rooftop con piscina, servizio ristorante e cocktail bar.

Soho House, Amsterdam

Core Club, New York

Fondato da Jennie Enterprise, il Core Club di New York è un circolo esclusivo a cui appartengono personalità di spicco del design, dello spettacolo, della tecnologia e della finanza. Nel cuore della Grande Mela, la sede ospita lussuose suite dove i membri possono alloggiare, godendo inoltre di una sala cinema e una spa. Luogo di scambio e incontro, è conosciuto per la sua impressionante collezione d’arte e per l’organizzazione di talk e dibattiti dedicati ai propri soci.

Core Club, New York

Babington House, Somerset

Ha fatto da sfondo a numerosi matrimoni di vip e personaggi influenti del Regno Unito. Babington House, antico maniero nella campagna del Somerset, è una delle tante sedi delle Soho-House, considerata uno dei club privati più esclusivi del mondo. Acquistata da Nick Jones venti anni fa, mette a disposizione dei membri 33 camere per ritirarsi nella natura e vivere qualche giorno in completo relax. Oltre ai match di tennis e i bagni in piscina, qui ci si può dilettare giocando a cricket o croquet — a patto che siate ben informati sulle loro differenze!

Babington House, Somerset

Talking Sofa, il nuovo format digitale di Fred Perry

Quattro ospiti d’eccezione, la DJ Ema Stokholma, l’artista Federico Clapis e il duo di cantanti Coma_Cose, si raccontano attraverso l’originale format digitale ‘Talking Sofa’ presentato da Fred Perry e sviluppato all’interno del primo store milanese del brand.

Vedi anche

Style

Tant qu’il y aura des Hommes

Una luce in fondo al tunnel. Quella della prossima stagione fredda di Fendi è una collezione che affida a ogni singolo capo la capacità di scrivere un futuro fatto di umanità e colore.