Icon è in edicola con un numero speciale dedicato al viaggio

Il nuovo numero di Icon è dedicato al viaggio. In copertina Penn Badgley e Matt Smith

Icon lancia Ticket To, un numero speciale dedicato al viaggio declinato a 360 gradi: dai viaggi come esperienza fisica a quelli interiori, alla scoperta di se stessi e delle proprie passioni, raccontati dalle voci dei protagonisti di questo numero di Icon. Due i volti scelti per le cover story: due protagonisti del cinema di oggi che raccontano le tappe del loro viaggio artistico dagli esordi fino al successo. L’attore statunitense Penn Badgley, classe 1986, che da tre anni interpreta i panni dell’inquietante Joe Goldberg nella serie Netflix You. In una conversazione esclusiva con Icon confessa che è arrivato il momento di dire addio a questo personaggio che lo ha portato al successo: «È un ruolo estenuante. Vorrei interpretare un personaggio che trasmetta speranza».

E poi l’attore Matt Smith, celebre per aver interpretato il Principe Filippo nelle prime due stagioni della serie The Crown. Lasciato il football a causa di un grave infortunio, l’attore non ha mai rinunciato a mettersi in gioco, affrontando a teatro e sul set, con disciplina calcistica, ruoli spesso complessi. Nell'intervista con Icon confida che oggi, alle soglie dei 40 anni, la notorietà non lo ha stravolto: «La fama è solo un’esperienza individuale, in realtà non puoi abbassare la guardia», svela ad Icon. «Non devi dimenticarti da dove vieni, le tue radici, l’importanza della famiglia».

Tra le storie dello speciale dedicate al viaggio anche quella dell’artista algerina Lydia Ourahmane che, quando il lockdown le ha impedito di fare ritorno a casa, ha deciso di far traslocare l’intera dimora di Algeri a Basilea per allestire una mostra, disponendo “a memoria”, nello spazio espositivo, tutti i suoi mobili.

A raccontare la sua esperienza anche Giovanna Silva che, dopo aver ritratto metropoli e luoghi difficili, nel suo ultimo viaggio ritrae una Milano fatta di tanti dettagli. Da non perdere poi la storia del visionario Bibop Gresta: affascinato dal concept di un treno supersonico immaginato da Elon Musk, ha deciso di svilupparne la tecnologia per realizzarlo in Italia entro un decennio.

Nel numero, inoltre, c’è una lunga chiacchierata con lo scrittore olandese e grande viaggiatore Jan Brokken, il cui nomadismo è una miniera di storie da cui attinge per scrivere libri che sono viaggi sempre sorprendenti nello spazio, nel tempo e nelle sue passioni. E poi Leo Ortolani, “fumettiere”, come si definisce lui, che con Icon parla del suo ultimo lavoro ambientato nello spazio.

Il tema del viaggio farà da fil rouge anche nei servizi moda del numero. Ad arricchire la special issue anche uno speciale orologi di 22 pagine interamente realizzato e scattato dalla redazione di Icon.

Stay tuned... Stay ICON !!!