GELINAZ! torna a Vienna l’11 luglio con Silent Voices
Credits i-Stock

GELINAZ! torna a Vienna l’11 luglio con Silent Voices

di Penelope Vaglini

Il collettivo internazionale di chef inaugura i nuovi happening del 2021 con un evento nella capitale austriaca

Si definisce lo chef collective più influente del cosmo. In effetti, dal 2005, GELINAZ! propone performance culinarie e artistiche senza pari in giro per il mondo, coinvolgendo più di trecento chef provenienti da cinquanta diverse nazioni. Con l’obiettivo di spingere i cuochi al di fuori dalla propria comfort zone e di offrire esperienze multisensoriali agli appassionati di food, GELINAZ! utilizza il cibo come medium per superare i tradizionali confini della cucina, grazie ai suoi eventi performativi.

Silent Voices, il primo evento GELINAZ! del 2021

Dopo lo stop imposto dal lockdown, il collettivo torna quest’anno con la prima tappa del tour Silent Voices. Un progetto lanciato nell’ottobre 2020 per dare voce agli chef duramente colpiti dalle restrizioni della pandemia. Ideata dopo oltre quindici edizioni di GELINAZ!, la nuova manifestazione darà modo ai cuochi di esprimere nuovamente il proprio concetto di cucina. L’11 luglio, quindi, l’appuntamento è al club viennese “Prater Strasse” con una nove ore di performance live nella quale ogni portata servita agli ospiti avrà un pairing molto speciale. Non con un drink, ma bensì con un dj set di un’ora sulla pista da ballo. I cuochi protagonisti hanno ideato nuove ricette appositamente per l’evento, seguendo un tema che richiama i viaggi e il camping.

Gelinaz!-Dj-Set-Live-Vienna-20
Gelinaz! Dj Set Live, credits i-Stock

Il ritorno a Vienna

La scelta di Vienna per questa ripartenza non è casuale. Il collettivo è già passato da lì nel 2017 con GELINAZ! Does Upper Austria, una serie di degustazioni itineranti firmate dai più grandi chef internazionali come René Redzepi, Mauro Colagreco, David Chang, Ana Ros e Magnus Nilsson – solo per citarne alcuni – insieme agli austriaci Milena Broger, Heinz Reitbauer e Lukas Nagel. “L’Austria è la patria di alcuni tra gli chef contemporanei più fuori dagli schemi. La cosa strana è che di questa avanguardia si parla molto poco e non ha ancora ricevuto l’attenzione mediatica che meriterebbe”, raccontano Andrea Petrini e Patricia Maunier, co-founder del collettivo. “Secondo noi è giunto il momento di mostrare tutte le cose interessanti che questa nazione ha da dire (e cucinare)”.

GELINAZ! Remix, un format nuovo e sostenibile

Gelinaz-chef-Plating
Credits I-Stock

Tornare in pista sì, ma in totale sicurezza, come tengono a precisare gli organizzatori dell’happening. “Quest’anno vogliamo essere più sostenibili e ridurre inutili spostamenti in areo, mantenendo al contempo un occhio di riguardo verso l’emergenza Covid”, continua Petrini. “Ecco perché Silent Voices si presenta con un format completamente nuovo per GELINAZ!. Una sorta di remix culinario dove sono le ricette e le idee dei cuochi a volare da un capo all’altro del mondo, per essere servite da chef locali”. Nello specifico, sarà il gruppo anticonformista di The Healthy Boy Band, composto dai gastronomi e cuochi Philip Rachinger, Lukas Mraz e Felix Schellhorn, a preparare i piatti per gli ospiti. Un trio fuori dagli schemi con un approccio ai limiti dell’anarchico, così come il tema dell’evento, che prende il nome di Vaccinated Camping Club. “Servire una cucina raffinata sotto una tenda da campeggio con un format da compagnia aerea? Ecco la sfida di Silent Voices!” concludono gli organizzatori, senza però svelare chi saranno gli autori delle ricette servite durante la giornata. L’anonimato sarà garantito fino all’ultimo momento, così come le prossime tappe del tour di GELINAZ! che saranno rese note solamente dopo il 15 luglio.

Chi è curioso di partecipare al primo happening di GELINAZ! Silent Voices è ancora in tempo per acquistare i biglietti direttamente sul sito della manifestazione. La data da segnare in calendario è l’11 luglio e il luogo dove presentarsi - anche in pantaloncini, in puro stile camping - è al civico 2 di Aspernbrücke, a Vienna.