Barba, i consigli per mantenerla in ordine quando arriva il caldo

Barba, i consigli per mantenerla in ordine quando arriva il caldo

di Eleonora Gionchi

Protegge la pelle dal sole e dalle aggressioni esterne e rallenta la sudorazione. In cambio, ha bisogno di idratazione e protezione. I consigli degli esperti su come prendersi cura della barba con l’arrivo del caldo

Alzi la mano chi, con l’aumento delle temperature, non pensa, rasoio alla mano, di tagliare la barba. È matematico, perché c’è soprattutto l’erroneo convincimento che i peli sul viso possano creare una maggiore sensazione di calore. Invece sfatiamo subito un mito perché è l’esatto opposto: la barba funge infatti da isolante per il viso, rallentando la sudorazione e proteggendo la pelle dai raggi diretti del sole, come spiegano gli esperti di Bullfrog. Ma non è certo l’unico motivo per cui si può continuare a sfoggiarla con l'arrivo dei primi caldi.

Barba in estate, l'importanza dell'acqua

I motivi per mantenerla in estate infatti sono differenti, per questo bisogna prestare molta attenzione anche ad averla sempre in ordine. Tutt'al più quello che si può fare, è 'ridurne il volume', tagliarla così da averla leggermente più corta. 

Anche la barba in estate necessita di maggiore idratazione: la mancanza di acqua dovuta alla sudorazione e che porta quindi a bere di più, non coinvolge solo pelle e corpo ma anche zone considerate periferiche come appunto la barba stessa: «L’acqua è infatti l’alleato migliore per mantenere il pelo, e la pelle sotto, idratato. In caso contrario, la barba inizia a prudere e la pelle a tirare perché si secca con il caldo» spiegano gli esperti di Bullfrog.

Non solo, ma l’acqua aiuta anche a proteggere il pelo dalle aggressione di cloro e sale «Dopo un tuffo in mare o in piscina ci si fa sempre una doccia con acqua dolce così da eliminare i residui; ma, forse non tutti sanno che la barba andrebbe bagnata anche prima del bagno così che sia meno aggredita». 

Rasatura rinfrescante e lenitiva

Non solo idratazione però, anche la pulizia diventa ancora più importante in estate. Col caldo e un maggior tempo trascorso all'aria aperta, infatti, e con il sudore si tendono ad accumulare nel pelo molti più batteri che portano la pelle a irritarsi maggiormente e ad avere sfoghi, tendenzialmente piccoli puntini rossi, sul viso. Il rituale della rasatura in questo periodo è quanto mai fondamentale quindi.

Rispetto all'inverno, la routine in questo periodo dev'essere fatta con prodotti rinfrescanti e lenitivi per la pelle, oltre che molto idratanti per il pelo. Inoltre, di facile assorbimento e dalla consistenza leggera. Non solo, ma lo step in più ideale per l'estate, a termine rasatura, è passare sul viso un panno freddo che chiude i pori, oltre a rinfrescare la pelle dopo lo stress della rasatura stessa. L'ideale? Bagnare il panno e lasciarlo mezz'ora in frigorifero e, meglio ancora, nel freezer consigliano da Bullfrog. 

Il plus, il trattamento notturno

Da non sottovalutare è poi il trattamento notturno: «Sole e alte temperature, infatti, sfibrano il pelo rendendolo più ispido. La notte, quando è meno stressata, è il momento giusto per un bagno in più di idratazione» concludono da Bullfrog.