Scrub, peeling e gommage: come pulire la pelle in profondità


Qual è la differenza tra scrub, gommage e peeling? Ecco le caratteristiche, come sceglierli e dieci prodotti da provare

di Eleonora Gionchi

Detergere in profondità la pelle del viso e del corpo è fondamentale, soprattutto per prepararla all'esposizione solare. Per questo, è bene utilizzare alcuni strumenti specifici: scrub, peeling e gommage, 3 prodotti beauty la cui differenza è negli ingredienti e nella profondità di pulizia. Non invasive, anzi ad azione manuale, sono perfetti per essere usati una volta alla settimana o al massimo ogni 15 giorni, per eliminare tutte le imperfezioni causate dall'eccesso di sebo o le irritazioni da rasatura. In gallery, vi consigliamo quali provare.

Scrub
È forse quello più diffuso ed è perfetto sia per il corpo che per il viso. In crema o in gel, la sua particolarità è quella di essere composto da microgranuli di origine naturale (spesso ottenuti dalle bucce dei frutti) che, massaggiati, eliminano le cellule morte e tutte le impurità lasciando la pelle liscia e luminosa. Lo scrub non presenta particolari controindicazioni, è ideale anche per le zone più ruvide del corpo come i talloni, le ginocchia e i gomiti, è consigliato una volta alla settimana e può essere usato anche sotto la doccia. Pulizia profonda, particolarmente adatta anche dopo lo sport o un weekend fuori città.

Gommage
A differenza dello scrub, il gommage è più delicato perché è composto anche da una base idratante che, oltre a pulire, nutre la pelle; all’interno infatti si trovano, oltre ai microgranuli, anche oli nutrienti che ne addolciscono l’azione. Anche in questo caso si tratta di un trattamento manuale esfoliante che rimuove le cellule morte superficiali ed è particolarmente indicato per le pelli sensibili sia del viso che per il corpo.

Peeling
Si tratta di una pulizia più profonda rispetto ai precedenti, tant’è che è consigliata al massimo una volta al mese ed è indicata soprattutto per le pelli grasse, le altre tipologie rischierebbero di essere troppo irritate. All’interno della texture, sempre granulosa, si trovano acidi come quelli della frutta, poi il lattico e il glicolico che uniscono all’azione meccanica quella chimica. Il peeling può essere eseguito anche professionalmente e stimola il ricambio cellulare e la creazioni di nuove cellule vitali. Attenzione che però, a seconda tel tipo di pelle ci sono delle controindicazioni, tra cui, in alcuni casi, la comparsa delle macchie cutanee.