Donne

Le donne italiane della scienza nei ritratti di Gerald Bruneau

di Micol De Pas - 15 Gennaio 2019

Si intitola “Una vita da scienziata” la mostra dedicata all’eccellenza femminile in ambito scientifico

Se si parla di pregiudizi, c'è un'altra battaglia da combattere, quella contro chi crede che l'ambito scientifico sia prettamente maschile. E Fondazione Bracco ha deciso di armarsi di bellezza e scendere in campo a favore delle scienziate, con il fotografo Gerald Bruneau per mettere a punto la mostra Una vita da scienziata, una serie di ritratti delle protagoniste delle STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).

La mostra prende il via da un'iniziativa precedente, 100 donne contro gli stereotipi, da un’idea dell’Osservatorio di Pavia e dell’Associazione Gi.U.Li.A. in collaborazione con Fondazione Bracco e con il supporto della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, per dare appunto un volto a chi rappresenta l'eccellenza in diversi ambiti del sapere. Biologhe, chimiche, farmacologhe, ingegnere, astrofisiche, matematiche, chirurghe, paleontologhe, informatiche sono solo alcune delle professioni, condotte ai massimi livelli, delle scienziate ritratte dal fotografo francese. Ogni ritratto conduce nel mondo professionale delle scienziate, laboratori, università, ambulatori che sono spazi di ricerca e pensiero.

Come ha spiegato Diana Bracco, "il progetto 100 donne contro gli stereotipi, nato prima come una piattaforma, poi con un libro, ora è una mostra di ritratti di alcune di loro che hanno accettato di mettersi in gioco, talvolta in modo spiritoso nei confronti della loro professione.”

 “UNA VITA DA SCIENZIATA – I VOLTI DEL PROGETTO #100ESPERTE”
CDI-Centro Diagnostico Italiano I Milano, via Saint Bon, 20 I 16 gennaio – 30 giugno 2019
Orario: lun-ven 7-19 e sabato 7-18 I Ingresso libero

Inaugurazione martedì 15 gennaio ore 18.30

Vedi anche