Motori

Le moto inglesi più belle in circolazione

di Andrea Bressa - 17 gennaio 2019

Triumph, Norton, Brough Superior e Veitis: una selezione delle più interessanti due ruote dal Regno Unito

Il Regno Unito è una delle nazioni regine nel mondo delle motociclette. Lo stile britannico, anche nei modelli più sportivi, si distingue per un certo gusto vintage, con mezzi spesso tipicamente modern classic che richiamano profondamente estetiche del passato riproposte in chiave moderna. Un mix fortunato che conosce molti appassionati un po’ in tutto il mondo.

Proprio come abbiamo fatto per le proposte provenienti dal Giappone, ecco di seguito una breve lista di quelle che sono secondo noi le più interessanti moto realizzate dai marchi britannici.

Triumph Speed Twin

Si tratta della riproposta in chiave contemporanea di un elegante classico della casa inglese datato 1938, ossia l’omonima Triumph Speed Twin. Di quel modello è stata conservata l’estetica rétro, nonostante si basi sul telaio della più recente Thruxton. Rispetto alla sorella, però, la Speed Twin è più leggera (di circa 10 chili), grazie a un attento lavoro di limatura su motore, cerchi e altre componenti. Monta un propulsore bicilindrico 1200 cc a 8 valvole da 98 cavalli e 112 Nm di coppia. I cerchi contribuiscono a dare un tocco di classe: a razze, da 17 pollici, con pneumatici Pirelli Diablo. Tre sono le impostazioni di guida selezionabili: Sport, Road e Rain. E altrettante sono le colorazioni disponibili: rosso, grigio scuro e grigio chiaro. Il prezzo base è circa 13mila euro.

Brough Superior SS100 Anniversary

Una moto extralusso, una sorta di Rolls-Royce delle due ruote: la Brough Superior SS100 Anniversary, come si intuisce dal nome, è stata realizzata per celebrare i 100 anni dalla fondazione dello storico marchio britannico (1919 – 2019), che è però ora di proprietà francese. Questo modello, in edizione limitata a 100 esemplari, è il frutto di un lavoro artigianale, in ogni sua parte. Monta un motore da 1000 cc, in grado di erogare 125 cavalli di potenza ed è dotata di una serie di accorgimenti tecnici di alta gamma: particolare è l’innovativo sistema di intersezione tra forcella e manubrio. Alluminio e titanio sono i materiali principali e il prezzo si aggira attorno ai 100mila euro.

Norton V4 RR

Tanto carattere per questa versione stradale della celebre V4 a firma Norton. Una superbike da oltre 200 cavalli, sprigionati da un motore 4 cilindri a V. Il telaio è in traliccio di tubi lucidato e la carena è in fibra di carbonio grezza. Molti gli elementi derivati dalla pista, come le sospensioni Öhlins di più recente produzione e freni Brembo di prima scelta. Il listino si aggira attorno ai 38mila euro.

Veitis eV-Twin

Nonostante l’aspetto classico, si tratta del modello più innovativo di tutti in questa lista. È infatti una moto elettrica, forse la più affascinante a livello estetico fra quelle già pronte alla commercializzazione. Monta un propulsore da 11 kW, più o meno l’equivalente di un 125 cc, e può raggiungere una velocità massima di 110 km/h. L’autonomia è di 160 chilometri con un pieno di energia e per la ricarica occorrono circa 3 ore e 45 minuti: i dati non sono il massimo, ma è un oggetto ricco di stile. Ne verranno realizzati solo 50 esemplari, tutti costruiti a mano, a un costo che si aggira intorno ai 45mila euro.

Vedi anche