Beauty

I profumi maschili da indossare in ufficio

di Eleonora Gionchi - 12 Novembre 2018

Il consiglio è quello di non osare con ingredienti o accordi troppo audaci, solo molta eleganza e classicità: le fragranze per chi lavora in ufficio sono sofisticate ma mai invadenti

La prima regola in ufficio? Non essere mai invadenti, e lo stesso vale per i profumi. Per questo, per la settimana di lavoro è meglio scegliere fragranze sofisticate, eleganti, contenenti note olfattive tipicamente maschili ma l'importante è che non siano troppo opulenti, così da non infastidire i colleghi. Un'altra accortezza da tenere a mente: non dovrebbero essere spruzzate a volontà, su pelle e indumenti; meglio dosarle con cura, basta vaporizzarle un paio di volte sul collo. All’interno, gli ingredienti più adatti sono il vetiver, la lavanda, gli agrumi, la violetta e il patchouli per dare rotondità e profondità.
Icon ne ha selezionate 7, tra grandi classici e novità di stagione.

Eight&Bob
Una fragranza che arriva direttamente dalla Francia degli anni ’30 e che coinvolge anche JFK che, sentendola, iniziò a indossarla, dandole così il suo nome. Un classico senza tempo, racchiuso in un flacone squadrato con all’interno note di foglie di violetta, pepe rosa, cardamomo, legno di sandalo e ambra.
Perché è adatto: è la quintessenza della fragranza maschile, virile, adatta per essere indossa tutto il giorno perché persistente senza però essere invadente.

Code A-List, Giorgio Armani
L’idea è quella entrare a far parte di un esclusivo gentlemen’s club aperto solo a chi ha il codice della A-List. L’essenza si ricorda la classica versione del Code ma gli ingredienti sono stati tutti potenziati: bergamotto e mandarino assumono una variante più fumé, mentre le quantità di lavanda e fava tonka sono aumentate.
Perché è adatto: discreta, è una fragranza adatta dall’alba al tramonto, perfetta quindi anche per una serata in compagnia dopo essere usciti dall’ufficio.

Bois Iridescent, Mizensir
Nella collezione di profumeria artistica di Alberto Morillas, creatore di fragranze di fama internazionale, c’è anche Bois Iridescent: “legno iridescente” è l’evocativo nome di una fragranza definita appunto cangiante perché unisce note calde e fredde al tempo stesso, da una parte gli agrumi, dall’altra l’iris che lo rende più morbido e cipriato.
Perché è adatto: per questo suo particolare mix di note, molto eleganti ma che, in contrasto tra loro, non stancano mai.

Aqua Minimes, Le Couvent des Minimes
La fragranza racconta il mattino al convento dei Minimes in Provenza. All’interno quindi note molto energizzanti e fresche così da poter affrontare la giornata, come l’essenza di limone, quella di litsea, una pianta erbacea macinata sul luogo dalla quale è estratto un olio, sul fondo il vetiver e il legno di cedro.
Perché è adatto: per la ventata di energia e di freschezza che dona, da usare durante tutto l’anno.

The One Grey, Dolce & Gabbana
Cardamomo e sandalo: da un lato una parte aromatica, dall’altro una terrosa. Attorno pompelmo, lavanda, tabacco e vetiver. La novità della linea di The One è una nuova interpretazione della versione più iconica della maison.
Perché è adatto: carismatico, è un profumo che attinge alla tradizione, grazie alla lavanda e al vetiver, pur non dimenticando un lato più moderno dato dal cardamomo.

Blenheim Bouquet, Penhaligon’s
Risale al 1902 e fu creato all’inizio per il Duca di Marlborough, residente a Blenheim Palace, il palazzo che ha dato il nome alla fragranza. La piramide olfattiva è molto pulita e verde, con note di lime, limone, lavanda, rosmarino, eucalipto, pepe nero, pino e legno di cedro.
Perché è adatto: perché è un evergreen da oltre cento anni ma sembra creata su misura per la vita dell'uomo contemporaneo. Inoltre, per gli appassionati, la linea comprende anche l’after shave in formato Splash o Balm.

Colonia Essenza, Acqua di Parma
Minimale ma lussuosa, la nuova versione utilizza ingredienti ancora più pregiati: gli agrumi sono esaltati da un accordo fiorito di rosa, gelsomino e mughetto mentre la chiusura è aromatica grazie al patchouli.
Perché è adatto: per chi ama ricordare le colonie del passato, per chi vuole celebrare il savoir-faire italiano e per chi cerca una fragranza che sia un passe-partout, intercambiabile giorno e sera.

Vedi anche