Naomi Watts, alla prova de “Il Trono di Spade”


Un ritratto della prima attrice a entrare nel cast del prequel della saga, sarà in Tv nel 2020

di Micol De Pas

La prima ed essere stata scelta è proprio lei, Naomi Watts, tra le 50 persone più belle del mondo secondo la rivista People. E, nonostante il resto del cast non sia ancora completato, pare abbia già cominciato a lavorare nei panni di una misteriosa aristocratica nel prequel della mitica saga Il trono di spade.

Le avventure questa volta si svolgono circa 10mila anni prima di quelle appena concluse e a scriverle sarà, insieme a George R.R. Martin, già autore di Game of Thrones, Jane Goldman (che ha firmato Kingsman: The Golden Circle, X-Men: First Class, Kick-Ass). Le riprese dovrebbero iniziare nel 2019. Non si conosce ancora il titolo, ma si sa già che l'attrice di King Kong e Mulholland Drive potrà dare sfogo alla sua natura regale, sexy e intrigante: nel prequel è una donna carismatica, che custodisce un segreto oscuro.

Sui red carpet infatti è sempre stata notata per la sua eleganza naturale, ad alto tasso di glamour, ma priva di qualsiasi forma di divismo. Il suo sorriso ha conquistato tutti e quel suo sguardo dolce e tagliente insieme le fa superare la sua proverbiale (così ha dichiarato lei) paura per i tappeti rossi. Che ormai sfida su tacchi vertiginosi, sobriamente vestita, ma mai senza accessori particolari. Insomma, elegantissima.

Dopo il suo ruolo nel film di David Lynch, nell'horror The ring e in 21 grammi il suo volto diventa noto al pubblico planetario, che la inserisce tra le icone del cinema contemporaneo.

A 18 anni partecipa al suo primo film, For Love Alone del 1986, ma non le vengono subito aperte le porte di quel mondo. Ci vorranno diversi anni, tutti trascorsi tra grande e piccolo schermo, per raggiungere la fama. Questo merito spetta a David Lynch che la sceglie, appunto, per il suo Mulholland Drive (2001). Poi entrerà nel carnet delle più ambite.

Recita accanto a Benicio Del Toro e Sean Penn in 21 grammi (e si aggiudica una nomination agli Oscar), Peter Jackson la sceglie per il suo remake di King Kong (migliore attrice ai Saturn Award), mentre Woody Allen le affida un ruolo in Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni (2010) e David Cronenberg la fa recitare in La promessa dell'assassino. Non si può non ricordarla nella pellicola di Alejandro González Iñárritu, Birdman, grazie a cui riceve diversi premi. 

Con oltre 50 film per il grande schermo e un numero consistente per la Tv, l'attrice britannica ma australiana di adozione dal 2006 è ambasciatrice di buona volontà per il Programma delle Nazioni Unite sull'AIDS.