Il fotografo del mese: Davide Degano
Davide Degano

Il fotografo del mese: Davide Degano

di Paola Corapi

Torna l’appuntamento mensile di Icon con i fotografi emergenti: il valore dell’immagine nella comunicazione attraverso l’interpretazione di un giovane autore. Questa volta vi presentiamo Davide Degano.

Ho riscoperto una terra indesiderata, dimenticata, ma promessa.

Ricerca, approfondimento, recupero, storia, etica. Valori che nella maggior parte dei casi riscopriamo in età adulta pensando sempre a quanto sarebbe produttivo se gli stessi ideali appartenessero a una generazione più giovane. Ebbene, Davide Dengano, giovane fotografo friulano, attraverso il suo progetto fotografico smentisce il pensiero comune e valorizza tutti questi aspetti.

Ricordo come mio nonno, Giuseppe, mi raccontava storie della sua giovinezza e delle montagne della sua terra natale e di come, catturato dalle truppe tedesche, riuscì a scappare e tornò a casa dalla Germania. Posso ancora sentire, attraverso la sua memoria, il forte senso di appartenenza al luogo quando ha descritto la felicità di rivedere quelle montagne da lontano.

Beyond the Land of Castles è un esame sull'importanza del “locale” attraverso la memoria e di come la società moderna lo neutralizzi in nome della globalizzazione. È una storia universale. È una storia di potere.

Davide Degano con il suo progetto riscopre parte del patrimonio culturale, ritraendo le diverse sfaccettature della vita dei paesi di montagna tra i confini italiano e sloveno. Qui l'autore ha trovato una comunità di sopravvissuti, di emigranti che hanno imposto un auto esilio dopo le guerre mondiali e il terremoto del 1976, per inseguire quella “ricchezza” promessa dalle prossime città industrializzate.

Queste realtà hanno avuto un ruolo davvero importante nella mia educazione, ma purtroppo sono diventate un esempio emblematico di borghi “dimenticati” in giro per l'Italia e l'Europa.

L'autore inoltre mette in evidenza la violenta alterazione del paesaggio e l'enorme vuoto culturale che minaccia di lasciare.

Davide Degano (su Instagram @davidedegano) nasce e cresce in un piccolo paese in Friuli Venezia Giulia, in Italia, ed è di origini siciliane. Si diploma all’Istituto Bonaldo Stringher. Subito dopo si trasferisce in Australia per 3 anni, viaggiando per tutta l’Asia orientale. Durante i suoi viaggi sviluppa un forte interesse per la fotografia. In Australia lavora come fotografo per “JustAustralia” e per la rivista italiana “Il Globo“. L'interesse per la fotografia lo porta alla Royal Academy of Art, KABK, dove sperimenta una grande varietà di approcci alla fotografia documentaria. Si laurea e si trasferisce all'Aia, dove vive. Nel 2020 riceve una menzione d’onore per il Paul Schuitema Award.