Il Fotografo del mese: Anna Di Prospero


Il valore dell’immagine nella comunicazione attraverso l’interpretazione di un giovane autore

di Paola Corapi

Le fotografie di Anna Di Prospero riescono a trasportarci in una dimensione oltre la realtà. Il suo sguardo introspettivo esplora la quotidianità e il rapporto tra l’uomo e lo spazio.

La sua fotografia si muove in modo fluido tra cinema e performance definendo uno stile interpretativo, personale e ben preciso sull'immagine. Composizione, uso cromatico del colore dai toni caldi, pose in armonia con le architetture sono gli elementi essenziali che ne raccontano il percorso.

Il suo lavoro si divide in tre grandi progetti: I am here, inizia tra le mura domestiche per poi proseguire nella città e nelle abitazioni in cui l’artista ha vissuto. With you, sulle relazioni, i legami con familiari e amici fino al confronto con sconosciuti. Beyond the visible, serie attraverso cui le visioni e dettagli emotivi prendono forma.

Esprime la sua ricerca artistica tramite la fotografia allestita e l’autoritratto.

Anna Di Prospero nasce a Roma nel 1987. Studia fotografia presso l'Istituto Europeo di Design di Roma e presso la School of Visual Arts di New York. Numerose le mostre personali e collettive in Italia e negli Stati Uniti oltre che Les Rencontres D’Arles, Month of Photography Los Angeles, FotoGrafia Festival Internazionale di Roma e la Triennale di Milano. Tra i riconoscimenti: Sony World Photography, People Photographer of the Year degli International Photography Awards e il Discovery of the Year dei Lucie Awards 2011.