Henghel Gualdi, la sua vita in una storia a fumetti


In occasione del Fuori Salone, presso la Scuola Mohole in mostra le tavole dedicate al clarinettista reggiano che ha suonato anche con Louis Armstrong

di Laura Barsottini

L’arte. Un luogo. La passione. E la musica.
Sono queste le cifre che legano il clarinettista e jazzista Henghel Gualdi, il fumettista Cristian Neri e la drammaturga Elena Accenti.
Dopo essere state esposte nella Rocca Estense di San Martino, le tavole di Cristian Neri arrivano ora a Milano in occasione del Fuori Salone. Saranno esposte dal 17 al 22 aprile presso la sala Teatro Vigneron della Scuola Mohole di Via Ventura, 5 Milano.
Henghel ed io: così si intitolano le dieci tavole a fumetti autoriali di Cristian Neri su sceneggiatura di Elena Accenti che ripercorrono la straordinaria vita di Gualdi (si veda anche l’Archivio Henghel Gualdi).


Nato a San Martino del Rio nel 1924 e scomparso nel 2005, il compositore e clarinettista reggiano ha suonato con alcuni dei più importanti artisti italiani (nella band di Mina degli esordi, con Fred Buscaglione, Renato Carosone e Bruno Canfora, tra gli altri).
Negli anni 60, la sua fama cresce talmente che il Maresciallo Tito vuole la sua musica all’inaugurazione dello stadio di Belgrado. Direttore artistico dello Zecchino d’Oro dal 1962 al 1965, la carriera di Gualdi annovera collaborazioni con personaggi come Bill Coleman, Chet Baker e Louis Armstrong, per citarne solo alcuni.
Tra i suoi estimatori: Dino Risi, Pupi Avati, Luciano Pavarotti, Woody Allen, che a lungo gli chiese consigli sul loro strumento.


Insomma: un personaggio. Come personaggi sono anche Cristian Neri ed Elena Accenti, disegnatore, illustratore e fumettista lui, sceneggiatrice e autrice lei. La mostra parla di Henghel e del suo clarinetto (l’io del titolo) e nasce da una serie di incontri iniziati nel 2010 dei due fumettisti con chi Henghel lo conosceva bene: direttori d’orchestra, la moglie cantante, il fratello pianista (ben documentate sul sito raccontandohenghelgualdi.blogspot.it).


Le tavole, presentate il 17 aprile alle 18,30 dal critico Paolo Interdonato, con musica dal vivo del trio The Gumbos, hanno il tratto coinvolgente e il taglio narrativo raffinati del duo Neri-Accenti, insegnanti alla Scuola di arti visive Mohole di Milano (una delle più interessanti in questo momento), titolari dello Studio Monkey e attivi nel mondo del fumetto per il mercato indipendente francese e italiano.
Insomma, un (piccolo) spettacolo tutto da godere!


Henghel ed io
dal 17 aprile al 22 aprile 2018
inaugurazione ore 18.30
Teatro Vigneron presso Scuola Mohole
Via Ventura, 5 - Milano