Magic Johnson in 5 foto che sfidano la gravità
Getty Images / Bettmann

Magic Johnson in 5 foto che sfidano la gravità

di Digital Team

30 anni fa lo scioccante ritiro dal basket, perché positivo all’Hiv. Ma il gigante volteggiante ha saputo reinventarsi, diventando un businessman di successo, attento al sociale. Lo omaggiamo con questi scatti

A 6 piedi e 9 pollici, ovvero appena 2 metri e 6 centimetri di altezza, è stato il playmaker più alto della storia dell’NBA: sì, il play, ruolo tradizionalmente assegnato al giocatore più basso e agile della squadra. Magic Johnson, soprannome che già dice tutto di Earvin Johnson Jr., ha rivoluzionato la pallacanestro. Diventando un’icona sportiva e culturale. Proprio 30 anni fa, dopo aver deliziato con i suoi alley-oop e con i passaggi no-look da fuoriclasse, gigante volteggiante da cinque titoli NBA e uno olimpico, si ritirava dal parquet di gioco. Era il 7 novembre 1991 quando Magic Johnson scioccò il mondo dello sport. Con una conferenza stampa, annunciò pubblicamente il suo ritiro dal basket perché positivo all’Hiv. Aveva 32 anni e 12 stagioni da professionista alle spalle.

Successivamente raccontò: «Il momento peggiore è stato guidare dall'ufficio di quel dottore a casa, per dire a mia moglie che ero sieropositivo». In verità Magic Johnson, dopo quel 7 novembre 1991 che fece da spartiacque, dietro benestare medico provò ancora, per pochi mesi, a giocare, facendo anche parte di quel Dream Team, insieme a Michael Jordan e al rivale di sempre Larry Bird, che vinse le Olimpiadi di Barcellona 1992. Ma poco dopo dovette rinunciare di nuovo, per le polemiche e i timori degli altri giocatori nell’avere un sieropositivo in campo. I Los Angeles Lakers ritirarono la sua maglia giallo-viola numero 32.  

Ma come prima fu leader carismatico in campo, poi Johnson lo divenne nel mondo degli affari. Ha fondato la Magic Johnson Enterprises e ha costruito un vero impero, con holding, partecipazioni immobiliari, quote di squadre sportive professionistiche. Da ragazzo dalle umili origini, nato a Lansing, nel Michigan, diventato poi uno degli atleti più ammirati degli States, i suoi sforzi si sono concentrati soprattutto sullo sviluppo delle aree urbane, portando i franchise di caffè Starbucks e i cinema nelle comunità meno servite, tanto da guadagnarsi anche una Hollywood Walk of Fame, da aggiungere alle due NBA Hall of Fame. È sceso anche in prima linea nella lotta all’Aids, creando la Magic Johnson Foundation, nata per finanziare programmi per contrastare l’Aids e attenta a svariate altre problematiche di tipo sociale.

Oggi ha 62 anni e presto una docuserie targata Apple TV+ ne racconterà vita e carriera. 10.141 gli assist fatti, per cui detiene tuttora il record, 17.707 i punti segnati. Ma al di là dei canestri, è stato il suo senso dello spettacolo e il suo sapersi reinventare a renderlo Magic, combinato con il suo sorriso contagioso.

Qui omaggiamo Magic Johnson con 5 foto in cui sembra sfidare la gravità.