Perché OnlyFans è la piattaforma preferita dai content creator
Unsplash

Perché OnlyFans è la piattaforma preferita dai content creator

di Penelope Vaglini

Il lockdown ha segnato un punto di svolta per OnlyFans, piattaforma di contenuti a pagamento che permette a chiunque di monetizzare attraverso piani di subscription.

Mai sentito parlare di OnlyFans? Forse no, poiché questa piattaforma dove si paga per fruire di contenuti creati dagli utenti, fino a pochi mesi fa veniva utilizzata principalmente da performer di intrattenimento per adulti. Con l’avvento del lockdown e l’iscrizione di alcuni personaggi di rilievo del panorama musicale internazionale, le cose sono rapidamente cambiate. Il social è cresciuto a vista d’occhio, attirando nuovi content creator legati ai settori più vari. Dal gaming, al fitness, passando per fashion e beauty, OnlyFans è diventato un prezioso strumento per monetizzare condividendo videoclip e foto con i propri follower, grazie al pagamento di una “mancia”.

Che cos'è OnlyFans

Ha intuito il potenziale di crescita della creator economy, Tim Stokely, quando nel 2016 ha messo online OnlyFans. Osservando il successo di Patreon, una piattaforma basata sulla membership, dove gli artisti possono guadagnare con i loro contenuti inediti, Stokely ha dato vita al suo progetto permettendo a tutti gli iscritti di monetizzare grazie al contributo dei propri follower. Su OnlyFans, infatti, ogni utente ha la possibilità di vendere tutorial, video tips e tutto ciò che produce online, dietro al pagamento di una subscription dal valore variabile. Per intenderci, una sorta di abbonamento. 

Tim-Stokely-OnlyFans-founder
Tim Stokely

Il suo successo è legato all’esclusività di contenuti che ogni creator mette a disposizione, instaurando un rapporto ancor più diretto con i follower. Rispetto a Instagram o Twitter, dove foto e video patinati hanno il sopravvento, la piattaforma di Stokely favorisce infatti un contatto più diretto e reale. E proprio grazie a questa social intimacy, negli scorsi anni OnlyFans ha vissuto momenti di gloria aprendo le porte a intrattenitori a luci rosse, sia professionisti che amatoriali, in cerca di guadagni consistenti al riparo da fee di intermediari e agenzie. A due anni dal lancio, il successo della piattaforma ha permesso l’entrata in società di Leonid Radvinsky, che ha spinto sullo sviluppo di nuove funzionalità con l’obiettivo di attrarre una community di creator più ampia e diversificata.

OnlyFans-piattaforma-content-creator
Unsplash

Il lockdown ha reso mainstream OnlyFans

È solo nel 2020 che la piattaforma di Stokely ha captato l’attenzione di alcune celebrity, prima tra tutte Cardi B, la rapper americana che per il lancio del suo nuovo singolo “WAP” ha avuto l’idea di includere OnlyFans tra i media del suo piano promozionale. Le è bastato postare un video del dietro le quinte di uno shooting e il footage del making of del video, per guadagnare in poche ore migliaia di dollari dai suoi subscriber. Anche la citazione di Beyoncé ci ha messo del suo. Infatti, Queen Bey ha nominato la piattaforma nel testo del suo Savage Remix, facendo schizzare le iscrizioni a colpi di 500.000 nuovi utenti al giorno. 

Wap-Cardi-B-OnlyFans-Icon-Magazine
Warner Music
Wap Cover, Cardi B

Secondo Bloomberg, con 90 milioni di iscritti, di cui l’1% è rappresentato da creator, OnlyFans è oggi uno dei più grandi media online, capace di generare 2 miliardi di dollari in vendite, di cui trattiene circa il 20% in commissioni. Questo anche a causa della pandemia, poiché la piattaforma ha dato la possibilità a chi è rimasto senza lavoro di crearsi un’alternativa per generare reddito, soprattutto ai professionisti del mondo degli eventi e dello spettacolo. Oltre a Cardi B, anche il rapper The Dream l’ha utilizzata per promuovere i suoi brani, la drag queen Shea Couleé ha diffuso i suoi tutorial di make-up, mentre l’attrice Bella Thorne è riuscita a guadagnare un milione di dollari in un giorno.

onlyfans-app-Icon
OnlyFans

Cosa aspettarsi per il futuro di OnlyFans

Con questa impennata di popolarità, Tim Stokely ha annunciato la volontà di aprire nuove sedi per la sua società di Londra, arrivando fino in Asia e in America Latina. Nel frattempo, come dichiarato in una recente intervista a Bloomberg, il founder di OnlyFans programma la messa online di un servizio di streaming. Si chiamerà OFTV e veicolerà interviste esclusive e webserie autoprodotte dagli utenti più celebri. Tra spoiler e lanci di nuovi servizi, la notizia certa è che OnlyFans rappresenta una vera e propria rivoluzione nelle dinamiche relazionali tra content creator e fan. La sua strada sembra essere spianata, ma per continuare a crescere e produrre contenuti di valore, dovrà liberarsi dalla sua reputazione di luogo di dissolutezza online. Nel frattempo, per le previsioni sul futuro della piattaforma, ci si può affidare alla lettura dei tarocchi online. Ovviamente solo a pagamento su OnlyFans!