Icon fashion story: Sport(s) Academy

Icon fashion story: Sport(s) Academy

di Annalisa Testa

Essenziale, contemporanea e inclusiva. A|X Armani Exchange riflette l’atteggiamento disinvolto e understated di una nuova generazione, sotto il segno stilistico di Armani

Quello con la metropoli è un legame indissolubile, quasi necessario. Un rapporto intimo che si crea tra l’uomo e il suo habitat, che si solidifica in una collezione che si sviluppa in un incrocio di codici puliti, nettamente riconoscibili. In questo contesto trova spazio la linearità dell’essenziale di una storia che si narra dal 1991, quando Giorgio Armani decide di riscrivere i codici del vestire metropolitano, portando al pub-blico più giovane i valori della maison. A|X Armani Exchange, da 30 anni, celebra la vita dinamica delle persone che lo scelgono, eliminando fronzoli in un design quasi industriale. La collezione nasce dalla liaison perfetta tra abilità e inventiva. Racconta di abiti scattanti, funzionali. Di volumi pratici, ridotti all’essenziale, perfetti per ogni impiego. Un guardaroba atemporale, inclusivo, che mantiene una certa fluidità di genere: «Valori per me importanti», dichiara Giorgio Armani, «che si realizzano appieno nel nuovo store di Corso Vittorio Emanuele II, luogo che richiama diverse generazioni e si fa testimone di un dialogo costante con la gente, al quale oggi tengo più che mai». 

Nel servizio fotografico gli abiti sono A|X Armani Exchange

Photos by Giampaolo Sgura, styling by Edoardo Caniglia

Models: Cheikh Dia @D’Men; Nacho Penin @Img; Neil Varel @Independent. Grooming: Gabriele Trezzi @Blend Management using R+Co. Styling assistant: Valentina Volpe