La strana influenza dello stile heavy metal sulla moda

La strana influenza dello stile heavy metal sulla moda

di Silvia Vacirca

Partendo da Kourtney Kardashian, passando per Kanye West e Nicolas Ghesquière, una riflessione sull’influenza dello stile heavy metal che, a prescindere dalla musica, continua a sedurre i social

L’heavy metal è l’ultima sottocultura. Theodor W. Adorno oggi sarebbe metallaro. Resiste, della moda se ne frega e ha uno stile naturalmente leggendario. Il “poser” lo vedi subito. Non è che ci siano delle regole precise di stile. Alla fine, l’heavy metal è un modo di essere, non di apparire. Ma, per esempio, se uno ha i capelli corti non può essere un metallaro. Non che i metallari non abbiano un gusto raffinato. Il cantante dei Metallica è stato più volte fotografato fuori da un negozio Armani.

Strano a dirsi, l’heavy metal è un angolo di cultura oscuro immune alla furia moralistica contemporanea. È ovunque e in nessun luogo. Siamo chiari. C’è gente che morirebbe per Glenn Danzig. Non sembra, ma i metallari sono fra noi. In giro per le strade si vedono t-shirt dei Suicideboys, Nonpoint di recente ha fatto una cover strepitosa di When Doves Cry di Prince and the Revolution, Tom Hanks è un fan dei Carcass e il presidente dell’Indonesia Joko Widodo ama il grindcore. Secondo il bassista dei Carcass, Jeff Walker, “Tom Hanks organizzava festini dove era solito suonare Reek of Putrefaction”.

La storia del rapporto tra heavy metal e moda risale alla sottocultura biker, com’è evidente nell’estetica tattoo del logo Hells Angels, e il font sul poster del film di David Bowie The Man Who Fell to Earth ha ispirato Steve Harris degli Iron Maiden nel design del logo della band. Ma è dal 2010 che l’heavy metal incrocia le strade della moda. Molto si è scritto della collezione 2012 di Nicolas Ghesquière per Balenciaga, che ha riproposto il carattere del logo degli Iron Maiden su una felpa di raso nero. L’anno seguente, Kanye West ha incaricato il designer del merchandising dei Grateful Dead, Wes Lang, di creare scarabocchi ispirati al metal per il tour di Yeezus. E all’improvviso, anche i marchi di fast fashion vendevano magliette pirata dei Black Sabbath, la crocifissione di In Utero dei Nirvana, e di Burzum, il piromane neonazista che ha ucciso il suo compagno di band.

Screenshot da Instagram
Travis Barker; Kourtney Kardashian

Nel 2016, i feed sono stati inondati di celebrità che indossavano t-shirt con i loghi delle band preferite di Satana: Slayer (Kendall Jenner), Anthrax (Jessica Stam), Mötley Crüe (Fergie) e Guns N’ Roses (Kanye). Kourtney Kardashian è stata avvistata con una maglietta dei Cannibal Corpse e l’Internet è impazzito. L’ex cantante dei Cannibal Corpse Chris Barnes ha criticato Kourtney Kardashian, definendo la star dei reality falsa come una banconota da tre euro, ma la stylist di Kardashian Dani Michelle ha confermato a Vogue che la star ha preso in prestito la maglietta proprio da Barker. Kourtney non è la prima della famiglia a vestirsi nello stile heavy metal. Kim Kardashian è stata avvistata con un maglione Morbid Angel nel 2017, mentre le sorellastre Kendall e Kylie Jenner hanno sfoggiato il merch dei Metallica e degli Slayer. Da allora l’-ex Slayer Gary Holt ha reso pubblici i suoi sentimenti sul clan Kardashian, dichiarando che “le odia”.

Anche Megan Fox nel 2020 ha iniziato a frequentare Machine Gun Kelly, un rapper associato alla scena punk rock. Fox è anche nel video di Bloody Valentine e gli ha regalato una collana con il suo sangue. La star di Tik Tok Jaden Hossler, protetto di Travis Barker, ha pure lui abbracciato la scena punk rock e si è fidanzato con l’altra star Tik Tok Nessa Barrett. La passerella innalza la cultura della celebrità e la strada demistifica la passerella. L’ultima parola è di Vetements, che nella collezione SS16 ha messo i caratteri necrofili accanto al logo DHS, la borsa Ikea e gli archi dorati. Come a dire che non puoi rivendicare una ribellione se la vendi a iosa. Ma Axl Rose non sarebbe d'accordo. 

Courtesy of Balenciaga
Balenciaga - Fall 2012
Courtesy of Vetements
Vetements - Fall 2016
Courtesy of Brioni
Campagna pubblicitaria