St. Regis Rome, un luogo iconico del centro di Roma

St. Regis Rome, un luogo iconico del centro di Roma

di Carla Brazzoli

Rinomato per gli altissimi standard di ospitalità, il St. Regis è anche polo di attrazione del divertimento raffinato e dell’arte nel cuore pulsante della capitale

Che il St.Regis Rome rappresenti uno dei migliori esempi di ospitalità europea di alto livello è cosa nota. Lo sanno i romani, che con orgoglio considerano questo hotel inaugurato nel 1894 un’istituzione, da sempre luogo privilegiato di incontro e confronto per personaggi illustri. E lo sanno i turisti di tutto il mondo che, di passaggio nella capitale, non perdono l’occasione di vivere l’esperienza di soggiornare in uno dei palazzi più spettacolari della città, che gode di una posizione strategica vicino a Piazza della Repubblica e al Quirinale (nella Royal Suite hanno alloggiato personaggi celebri come la principessa Grace di Monaco, re Juan Carlos di Spagna, Rania di Giordania, la famiglia reale di Svezia, ma anche i Rolling Stones, Elizabeth Taylor e Richard Burton, Madonna, Leonardo DiCaprio…).

Così come un tempo il grandioso salone Ritz aveva rappresentato il fulcro del divertimento in quanto primissima sala da ballo pubblica a Roma, ancora oggi il St. Regis conserva la tradizione di intrattenere romani e ospiti organizzando esperienze uniche. Come quelle che hanno luogo al Lumen Cocktails & Cuisine, ristorante e lounge bar che si anima di eventi e appuntamenti fissi. Ogni sera le Lumen Society Nights riuniscono un pubblico di cultori del bere miscelato e di appassionati di musica; lunedi, mercoledi, sabato e domenica sono invece dedicati – all’ora del brunch – al jazz d’autore, con le performance di diverse band che ripercorrono dal vivo i grandi successi italiani e internazionali. 

L’appuntamento top è al venerdì sera con i “dinner show” ReJazz: cene firmate dall’Executive Chef Francesco Donatelli con sottofondo musicale di orchestre che si alternano con esibizioni di jazz americano e italiano. E in occasione del Natale, il programma dei dinner show diventa particolarmente interessante, con speciali menu a tema. Tra gli appuntamenti: Amazing Grace Gospel, l’orchestra di sole voci che conta 25 elementi (il 16 dicembre), e le esibizioni di Emanuele Urso “The King of Swing” Orchestra (il 23 e il 30 dicembre).
Non solo musica. Una volta al mese le sale del Lumen ospitano incontri culturali con dibattiti dedicati alla città di Roma: i Lumen Talks, curati e moderati da Giampaolo Rossi e Davide Scarparo, affrontano argomenti di cultura, turismo, alimentazione, cinema, sport e arte (tema del 13 dicembre). All’arte sono dedicati anche gli spazi di Galleria Continua Roma, la sede romana della prestigiosa pinacoteca toscana: all’interno del St. Regis si susseguono, nel corso dell’anno, mostre di artisti internazionali. Yoan Capote esibisce fino al 3 dicembre, mentre dal 20 novembre al 7 gennaio 2023 l’artista belga Hans Op De Beeck espone le sue installazioni.