Food

Opificio 77, cocktail made in Italy pronti per essere serviti

di Silvia Perego - 4 Maggio 2020

Perfetti come regalo o come genere di conforto durante i tempi incerti che stiamo vivendo, questi cocktail sono pronti da gustare in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Basta solo scegliere il bicchiere giusto, aggiungere un po’ di ghiaccio e versare.

Nonostante molti bar siano ancora chiusi, c’è chi non vuole rinunciare al piacere di sorseggiare un ottimo drink comodamente seduto in poltrona a casa sua. Ma se la preparazione potrebbe risultare complicata per le mani più inesperte (scegliere gli ingredienti giusti è fondamentale e lo è ancora di più riuscire a bilanciarli alla perfezione), c’è chi può farlo per noi, ed è proprio questa la missione di Opificio 77, un laboratorio toscano che produce cocktail artigianali pronti per essere serviti e bevuti. 

L’idea nasce nel 2019 da Alessandro Gherardi, bar tender e mixologist ventisettenne con una formazione d’eccellenza (prima alla Mixology Academy di Roma, poi alla Drink Factory a Bologna) ma soprattutto con un’innata passione per l’alchimia perfetta degli elementi. Tutte le ricette nascono da lunghe ricerche e sperimentazioni: i grandi classici, come l’Americano o il Martini Dry, sono reinterpretati utilizzando ingredienti selezionati e aromi molto particolari. Dalla scelta dei liquori di base alla macerazione di erbe, frutta e spezie, dalle tecniche di ossidazione allo studio delle tempistiche, ogni fase è messa a punto da Alessandro nel laboratorio artigianale di Massa. Da qui il prodotto finale, custodito in un’elegante bottiglia di vetro da 0,7 L di produzione tedesca, è pronto per essere consegnato a domicilio in tutta Italia.

Tra i cinque cocktail nel menù di Opificio 77, abbiamo scelto di raccontarvi una nuova interpretazione del cocktail italiano più famoso al mondo, il Negroni. In questo caso 'l'Americano alla moda del conte Negroni' nato alla fine degli anni Venti, diventa più piccante: un Negroni che non stufa mai, deciso ma non invasivo, è sorprendentemente profumato.

Gli ingredienti chiave sono Bitter, Vermut dolce e Gin. Una bevanda spiritosa ossidata e macerata in piccoli tini di acciaio inox con rosmarino, peperoncini piccanti e dolci in passaggi e tempi diversi, riposata successivamente in vetro. Dose consigliata per un drink: 90 ml

Ora non vi resta che scegliere il bicchiere giusto (meglio se un tumbler basso) e aggiungere un po’ di ghiaccio per poter assaporare un buon cocktail con estrema semplicità, quando e dove desiderate.

Vedi anche

1 Glass of Calvados
Food

Calvados: il liquore normanno

Prosegue il viaggio alla scoperta dei liquori dal mondo: oggi è il turno del Calvados, prodotto dal sidro di mele, utilizzato nei cocktail per il suo tipico aroma fruttato.