Food

Whisky, whiskey, bourbon: saperlo riconoscere, sapere come gustarlo al meglio

di Aldo Fresia - 7 maggio 2019

Il principe dei distillati è un territorio enorme da esplorare. Iniziamo con l’ABC: cos’è, come si riconosce la qualità, quali brand seguire e quali cocktail assaggiare

Quello del whisky (o whiskey: ci torneremo) è un mondo affascinante ed enorme, che vale la pena di esplorare tenendo sotto mano una guida essenziale, utile a orientarsi. Del resto, come scrive il romanziere Haruki Murakami, "un bicchiere di whisky bisogna prima guardarlo, e quando ci si stanca di guardarlo incominciare a bere. Come con una bella ragazza". Dunque, prima di gustare e mentre si osserva, ecco qualche concetto da tenere a mente.

Whisky: cos'è e come si produce

Si può scrivere whisky oppure, come spesso accade negli Stati Uniti e in Irlanda, whiskey (con la e).

Ma si tratta della stessa cosa: un distillato ottenuto dalla fermentazione di cereali, dalla successiva distillazione e da un periodo di invecchiamento all'interno di botti.

In estrema sintesi, la grande varietà dei whisky presenti sul mercato dipende dal tipo di legno nel quale avviene l'affinamento e dalla miscela dei cereali, con preminenza ad esempio di orzo o segale o mais.

Definizioni: single malt, blended e bourbon

Ulteriore distinzione importante è fra i single malt e i blended: nel primo caso parliamo di distillati prodotti esclusivamente con malto d'orzo, nel secondo di miscele fra single malt e grain whisky provenienti da distillerie diverse (il blanded malt scotch whisky è invece un blended di soli distillati d'orzo).

Ultimo dettaglio: il termine "bourbon" può essere utilizzato esclusivamente per prodotti realizzati negli Stati Uniti e seguendo un preciso disciplinare.

Whisky: come riconoscere e gustarne uno buono

Una prima indicazione utile è che la bontà di un whisky non è direttamente proporzionale al numero di anni di affinamento in botte. Nemmeno quando parliamo di prodotti della medesima distilleria.

Se desideriamo una garanzia di eccellenza a scatola chiusa, meglio orientarsi sulle edizioni speciali o sulle riserve.

Ciò detto, un buon whisky è caratterizzato da un'evoluzione, al naso e in bocca, che avviene in modo elegante ed equilibrato, anche nel caso di quelli con la personalità più gagliarda.

L'alcol non deve mai essere prevalente.

Whisky: i marchi da tenere d'occhio

Salvo rare eccezioni, la secolare tradizione scozzese consente di andare quasi a occhi chiusi, tanto si cade sempre in piedi.

Sia che si scelgano produttori celeberrimi - per esempio Macallan o Lagavulin - oppure nomi meno noti al grande pubblico come Tamdhu, Clynelish o Tullibardine, solo per citarne alcuni.

Anche la fama dei giapponesi è più che meritata, con Nikka, Yamazaki e Hibiki a rappresentare più che degnamente il paese del Sol Levante.

Nel mondo dei whiskey irlandesi un buon punto di partenza sono Jameson e Teeling, mentre in quello dei bourbon Four Roses e Knob Creek.

 

Whisky: 4 cocktail essenziali

  • L'Old Fashioned, senza dubbio uno fra quelli più richiesti al mondo
  • Il Whiskey Sour
  • Il Boulevardier, un Negroni fatto con il whisky al posto del gin
  • Il Mint Julep, il cocktail prediletto da William Faulkner: imprescindibile per gli amanti della letteratura

Vedi anche

Eventi

Icon 51 è in edicola

È dedicato allo sport il nuovo numero di Icon in edicola dal 9 maggio. Perché lo sport unisce salute, benessere e lusso. E definisce lo stile di un’epoca.